Il film "I called him Morgan", vita e morte di una star del jazz

I CALLED HIM MORGAN, VITA E MORTE DI UNA STAR DEL JAZZ/ IL FILM MERCOLEDÌ 12, ORE 15 NELLA SALA DEI NOTARI

Il 19 febbraio 1972 Helen Morgan entro' nel bar del jazz club di New York dove suonava il marito e gli sparo'. Fini' così, tragicamente, a soli 34 anni la vita di Lee Morgan, trombettista di scuola hardbop e star del jazz.

Lee Morgan è stato molto più che una meteora avendo lasciato una copiosa testimonianza della sua arte soprattutto nei dischi Blue Note, sia a suo nome che come membro di una delle migliori formazioni dei Jazz Messengers di Art Blakey, la stessa di cui faceva parte anche Wayne Shorter.

Sulla sua vita e sulla sua morte, e su questa storia d'amore finita male, il regista svedese Kasper Collin ha girato un film basato principalmente su una lunga intervista a Helen Morgan dal titolo "I called him Morgan".

La proiezione, a ingresso libero, sarà alla Sala dei Notari mercoledì 12 luglio alle ore 15.