UMBRIA JAZZ PREMIATA A MILANO PER IL FESTIVAL IN CINA

UMBRIA JAZZ PREMIATA IERI A MILANO PER IL FESTIVAL IN CINA

Per il festival di Chengdu, il primo organizzato da Umbria Jazz in Cina, è arrivato un importante riconoscimento. Alla Fondazione  Umbria Jazz è stato assegnato ieri sera a Milano, nell’ambito dei China Awards 2016, il premio Capital Elite – Manifestazione culturale italiana in Cina.

A deciderlo è stata una autorevole giuria presieduta da Cesare Romiti, presidente della Fondazione Italia Cina, e Paolo Panerai, vice presidente e amministratore delegato di Class Editori (MF - Milano Finanza). 

"Viene riconosciuto, secondo il vice presidente della Fondazione Umbria Jazz, Stefano Mazzoni, che ha ritirato il premio  - il lavoro che da anni ed in tutte le parti del mondo, con il fondamentale supporto della Regione, come è accaduto anche in Cina, il festival sta compiendo per promuovere il jazz e la cultura italiana, oltre che per affermare e sostenere il brand Umbria, le sue eccellenze e, in definitiva, il suo modello di vita. Questo è ancora più importante adesso che il nostro territorio deve risollevarsi dal terribile colpo del terremoto". 

La cerimonia di premiazione si è tenuta presso il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. La serata comprendeva anche un Charity Dinner i cui proventi saranno devoluti alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto. 

L'evento era in partnership con la Camera di Commercio Italiana in Cina con patrocinio della  Camera di Commercio Italo Cinese, del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dell’Ambiente, in attesa di ricevere il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico. 

*** Nella foto il vice presidente della Fondazione Umbria Jazz, Stefano Mazzoni, ed il direttore artistico, Carlo Pagnotta, con Danilo Rea, anche lui premiato con i China Awards. ***