Wayne Shorter il 14 luglio a UJ17

Uno dei più carismatici jazzmen in attività ed un grande protagonista della storia della musica afroamericana. Wayne Shorter torna a Perugia con il suo fantastico quartetto, attivo dal 2001, e con un nuovo progetto che ne sottolinea il talento di compositore. Con lui e con Danilo Perez, John Patitucci, Brian Blade, sul palco dell'Arena Santa Giuliana ci sarà una formazione "classica" (l'Orchestra da camera di Perugia) per eseguire un lavoro complesso ed ambizioso che è il materiale dell'ultimo disco (di prossima uscita) per la Blue Note con la Orphaeus Chamber Orchestra. La piece si chiama Emanon, consiste in tre movimenti (Pegasus, Prometheus Unbound, The Three Marias) ed è ispirata dalla passione di Shorter per la fantascienza e la mitologia.

Con il disco sarà pubblicata anche una originale graphic novel di Randy DuBurke che sarà poi una componente visuale del concerto live di Emanon.

Non è la prima volta che Shorter, la cui fama come compositore non è inferiore a quella di solista e leader, si misura con scritture dal respiro "sinfonico". Gli hanno commissionato lavori originali Los Angeles Philharmonic, Royal Concertgebouw Orchestra, Chicago Symphony Orchestra, Lincoln Center Jazz Orchestra, La Jolla Music Society, Detroit Symphony Orchestra, Prague Philharmonic, and Lyon Symphony.